Scarica il file in formato pdf

Analisi Climatica del mese di Dicembre 2016 in Piemonte e Nord Ovest italiano

Quanto e dove è piovuto o nevicato e quanto caldo o freddo ha fatto

Poca pioggia, ma la siccità nel mese di Dicembre non è un fenomeno raro nel Nord Italia.
In passato ci sono stati diversi anni con precipitazioni scarse, è successo più e più volte anche se, statisticamente, il mese più siccitoso dell’anno è il mese di Gennaio.

Nell’antichissima Stazione Meteo montana del Santuario di Oropa (Biella), la media delle precipitazioni dei mesi di Dicembre (dal 1920 fino ai primi anni 2000) è stata di 83,4 mm contro una media dei mesi di Gennaio (stesso periodo) di 60.8 mm.

In assoluto, il mese di Gennaio risulta essere il mese dell’anno con le minori precipitazioni dell’anno non solo ad Oropa ma in tutta l’intera area nordovestina, fatta eccezione per alcune aree alpine prossime ai confini di stato tra Torinese Occidentale, Val d’Aosta e Ossola dove, in caso di Perturbazioni provenienti da Nord o Nord Ovest, può capitare che le precipitazioni riescano a sfondare la barriera alpina portando discrete nevicate o piogge fin nei fondovalle prossimi alle creste di confine.

Il mese di Dicembre, è risultato essere molto ben più siccitoso di quello attuale, in molte occasioni.

I mesi di Dicembre più secchi in assoluto sono stati:

  1. 0.2 mm nel 1974
  2. 0.4 mm nel 1980
  3. 0.5 mm nel 1941
  4. 3.0 mm nel 1931
  5. 4.0 mm nel 1993
  6. 8.4 mm nel 1951
  7. 8.0 mm nel 1965
  8. 9.8 mm nel 1966
  9. 10.0 mm nel 1956
  10. 11.0 mm nel 1946
  11. 11.2 mm nel 2007
  12. 12.0 mm nel 1944
  13. 15.0 mm nel 1921

Interessante notare il dato di siccità statistica che si ripropone a distanza di 10 anni esatti nel 1921, 31, 41 e 51. Il 1980 fu l’anno terribile in cui vi fu assenza di neve sulle Alpi Occidentali durante l’uintero l’inverno. La sequenza di anni con scarsissime precipitazioni è molto casuale e non segue alcun filo logico, con anni siccitosi tanto nei lontani primi anni del ‘900 quanto negli ultimi decenni del ‘900 e primi dei 2000.

Da notare che nel 1998 fu decisamente siccitoso il mese di Novembre con soli 8.6 mm caduti ad Oropa e 7.0 mm caduti a Trivero (Biella). In quest’ultima località le piogge sono state molto scarse anche a Dicembre con soli 11.4 mm.

Non si può quindi parlare di siccità estrema, in questo, pur sempre secco mese di Dicembre 2016 in cui ad Oropa sono caduti pur sempre 48 mm di precipitazione sottoforma di pioggia o neve.

ANONALIA PLUVIOMETRICA DI DICEMBRE

Il 2016 si chiude ad Oropa con un totale di 1874 mm di precipitazione, ovvero con una anomalia negativa di -167.3 mm caduti in meno rispetto alla media locale che sarebbe di 2041 mm. Il dato di Oropa è equiparabile alla gran parte del Nord Ovest. Fanno eccezione le aree che a Novembre hanno subìto l’alluvione di metà/fine mese. Qua le medie annuali hanno avuto un picco novembrino che le ha riportate in linea con le attese tra alto Cuneese, Torinese interno montano e sparute aree montane di Valsesia-Vco e Valle di Gressoney. In linea con le attese anche alcune aree montane del Varesotto e Lario.

ANOMALIA TERMICA DI DICEMBRE

Decisamente anomalo invece il profilo termico di Dicembre 2016.
Ad Oropa le temperature minime medie sono state tiepidamente di +1.1°C mentre le temperature massime sono state di ben +7.9°C con una temperatura media mensile di +3.7°C contro una media pluriennale dicembrina di soli +0.7°C.

L’anomalia termica positiva di Dicembre è quindi stata di ben +3.0°C, che porta la media annuale ad esser positiva con uno scarto di +0.9°C, quasi 1°C in più rispetto alla norma.

In linea con la stazione meteo di Oropa anche il resto del Nord Ovest dove le anomalie termiche di Dicembre sono risultate ovunque positive, con piccoli scarti positivi al piano dove c’è stata qualche giornata di nebbia che ha provocato alcune giornate di freddo (ma non di gelo) che hanno quindi mantenuto le temperature medie mensili attorno ai +1°C rispetto alla norma con punte però fino a +5 e persino +8°C in alta montagna dove, le inversioni termiche provocate dalle Hot Blob (Bolle Calde Africane) sono state persistenti e spesso invadenti.

Da sottolineare come, nel mese di Dicembre le giornate di ghiaccio (con temperatura costantemente al di sotto dello zero, anche in pieno giorno) siano state non più di un paio in media montagna ma non molte di più in alta montagna.





***EXPLOIT NEVOSO IN EXTREMIS A DICEMBRE IN PIEMONTE E VAL D’AOSTA***

Sembrava destinato a rimanere un mese anonimo e per lo più privo di neve quello di Dicembre 2016. Di neve fresca se n’era vista ben poca. Tolti alcuni episodi nevosi che hanno interessato le Alpi Cozie tra il primo ed il 2 di Dicembre, di neve non se n’era vista altra. Cesana Torinese-Colle Bercia a 2200 mt, aveva avuto 12 mm di precipitazione il 1° e 13 mm il 2 di Dicembre. 25 mm che corrispondevano a circa 30/40 mm di neve fresca. Discrete nevicate anche a Salbertrand-Le Selle, al Sestriere e ad Acceglio Collet nel Cuneese montano. Poco o nulla altrove.

La riscossa dopo il 19 del mese quando la *** NEVE *** è arrivata iniziando ad imbiancare l’Alessandrino, poi l’Astigiano ed infine il resto del Piemonte con neve in mattinata anche a Torino in città, poi a Vercelli-Novara e poi anche a Biella, Cuneo ed Aosta. Spruzzate di neve quasi inattese anche a Varese e nell’area urbana di Busto Arsizio-Legnano. Poca cosa, ma per lo meno si è potuta vedere la prima neve di stagione anche al piano.

Gli accumuli di neve maggiori si sono registrati tra Roero-Langhe-Monferrato ed Appennino poi con l’arrivo del caldo Scirocco la pioggia ha sostituito la neve a partire dal pomeriggio di Lunedì 19 dalle Baragge Biellesi-Vercellesi al resto del Piemonte Settentrionale con quota neve in rialzo fin vero i 1000/1200 ed infine 1400/1500 mt su alto Piemonte poi in rialzo a 1500 mt anche nel resto della regione.

Grande flop previsionale per il Cuneese che, nelle intenzioni delle proiezioni dei modelli matematici, in particolar modo dei WRF-ARF, avrebbero dispensato neve a palate nel Cuneese, ivi incluso il capoluogo dove in realtà è nevicato meno che ad Asti. Anche le località sciistiche montane non hanno fatto un exploti eccezionale ed i previsti 150/200 cm di neve annunciati non sono arrivati.

Come descritto in questa pagina “ALTEZZA DELLA NEVE IN PIEMONTE” le stazioni sciistiche piemontesi non è che possano contare su quantitativi di neve eccezionali. Dove la neve supera ancora i 150 cm è solo grazie alla persistenza al suolo della neve caduta durante l’episodio alluvionale di Novembre.

Ad oggi le poche stazioni montane che superano i 150 cm di neve al suolo sono: Macugnaga Passo del Moro-VB, Giaglione Rifugio Vaccarone-TO, Sauze d’Oulx Lago Pilone-TO, Bobbio Pellice Colle Barant-TO e Ceresole Reale Lago Agnel-TO. Tutte località d’alta montagna e tutte oltre i 2000/2500 mt d’altezza. A 1500 mt le ultime Hot Blob hanno ridotto ad una massa gelata di notte ed acquosa di giorno, i 5/15 cm di neve superstite.

LA CLASSIFICA PDF DELLA PIOGGIA CADUTA A DICEMBRE

PIOGGIA CADUTA IN PIEMONTE A DICEMBRE 2016. Clicca sull’immagine per consultare o scaricare il file in formato pdf

Record regionale di pioggia caduta a Mombasiglio Mongia in provincia di Cuneo con 79.4 mm seguito da Villafranca Piemonte-Pellice, provincia di Torino con 75.6 mm e Casaleggio Boiro Lago Lavagnino, provincia di Alessandria con 74,4 mm.

Nei settori del Piemonte Settentrionale non si è andati oltre i 69 mm di Traversella-TO, sui monti alle spalle di Ivrea e 64.8 mm di Bielmonte-Oasi Zegna (Biella). Moltissime le località che non hanno raggiunto i 40 mm e ben 8 stazioni meteo Arpa Piemonte che sono rimaste al di sotto dei 10 mm con record negativo a Cannobio nel Verbano con soli 2,8 mm di pioggia caduta a Dicembre 2016.

Clicca sull’immagine per consultare o scaricare il file in formato pdf

Tramite questo link, puoi consultare o scaricare i dati della pioggia caduta nel mese di Dicembre 2016. Il file è in formato pdf.

Puoi consultare i dati delle piogge cadute nei mesi precedenti accedendo al nostro arichivio dati meteo oppure cliccando sulle immagini relative ai mesi precedenti.

 

 

Banche Dati - l'Archivio Dati Meteo con dati su dove e quanto è piovuto e temperature minime e massime giornalieri dal 2011 al 2016
Archivio dati Meteo – Banche Dati
Pioggia caduta a Novembre 2016
Dove e quanto è piovuto
Pioggia caduta in Piemonte a Settembre 2016
Dove e quanto è piovuto in Piemonte a Ottobre 2016 con analisi climatica mensile
Pioggia caduta in Piemonte a Ottobre 2016
Dove e quanto è piovuto
Pioggia caduta in Piemonte a Agosto 2016